Estrusione del calcestruzzo rinforzato con fibre tessili

Sviluppo di un bocchello adatto

Il calcestruzzo rinforzato con fibre tessili come nuovo materiale di collegamento si contraddistingue per gli elementi strutturali e i pezzi a pareti sottili. Nei procedimenti di produzione abituali, le fibre tessili sono annegate mediante laminazione, centrifugazione oppure colata del calcestruzzo. Per le misure di rinforzo e ripristino si è affermata, inoltre, la spruzzatura del calcestruzzo su un’armatura tessile. Questi procedimenti sono perfettamente adatti per le singole applicazioni, ma – per es. per via degli elevati costi di casseratura – in modo solo limitato per la produzione in serie. Per simili applicazioni, l’estrusione sembra rappresentare un’alternativa interessante. L’estrusione è già utilizzata con successo nei materiali da costruzione monolitici per realizzare sezioni trasversali, dissociate, in numero elevato. Per gli elementi strutturali sottoposti a trazione o flessione, in particolare in calcestruzzo, occorre, tuttavia, un’armatura aggiuntiva. L’inserimento di questa armatura e la garanzia di un collegamento sufficiente sono stati, finora, un motivo sostanziale di impedimento al consolidamento dell’estrusione nella produzione di serie. Il presente articolo descrive i requisiti sostanziali imposti sia alla miscela del calcestruzzo fine sia alla geometria del bocchello per poter realizzare elementi rinforzati, con successo, con fibre tessili, dalla struttura minuta.

Subscribe to magazine

Contact

Events

13.06.2024 - 13.06.2024
25.06.2024 - 27.06.2024
06.08.2024 - 08.08.2024