cpi
Current Issue Flipbook

Riviste commerciali per l'industria del calcestruzzo

Edizione attuale Archivio Online Flipbooks CPI TV Events Guida per il Compratore Newsletter Pubblicità Abbonamento
Suchen

Sviluppo della prefabbricazione strutturale in Europa


Il ruolo della Commissione fib Prefabbricazione

 


Le strutture eseguite in sito e quelle prefabbricate sono coesistite per secoli: sono sempre state soluzioni alternative quella di eseguire in opera elementi con aggregati sciolti o mattoni, tenuti insieme da un legante idraulico, oppure di predisporre pezzi di pietra interi. Ciò significa che entrambe le tecniche possono convenire e trovano caso per caso un impiego ottimale, a seconda delle prestazioni richieste e delle condizioni ambientali. Fin da 3000 anni e più, grandi elementi di pietra, come colonne, architravi, solette, blocchi, venivano tagliati in cava (ed eventualmente finiti in sito), poi assemblati a formare strutture per edifici pubblici (fig. 1) e mura cittadine, così come pietrame o mattoni regolari erano adoperati con un legante per costruire murature sul posto. Verso la fine del 19° secolo è comparso il moderno calcestruzzo, come una pietra artificiale che si presta ad essere modellata a volontà. Ben presto parti di strutture, come muri, travi, solai, ecc., vennero eseguite anche fuori dalla loro collocazione finale, cioè prefabbricate, quindi assemblate e collegate in opera. Notevoli furono le applicazioni dovute a grandi ingegneri: F. Coignet in Francia, con travi e pannelli portanti, e G. Atterbury, in Gran Bretagna, con pannelli murari per l’edilizia abitativa; più tardi, in Italia, Pierluigi Nervi progettò e costruì eccezionali strutture voltate (fig. 2a). Tale prefabbricazione era fatta più che altro a pie’ d’opera, con mezzi artigianali, raramente in stabilimento, e non può considerarsi propriamente industriale. Intorno al 1930, E. Freyssinet ideò, mettendo in tensione anticipata cavi di acciaio ad alta resistenza, la tecnica di presollecitare gli elementi in calce­- struzzo, aumentandone la capacità portante e permettendo di realizzare strutture più leggere, con prestazioni molto superiori. Anch’egli prefabbricò degli elementi per le sue strutture. La prefabbricazione a pie’ d’opera continuò a svilupparsi, servendosi anche di nuovi mezzi. Ad esempio, le cupole di Nervi, costruite alla fine degli anni ’50 per le olimpiadi di Roma, raggiunsero con gli elementi modulari prefabbricati valenze architettoniche e strutturali impossibili con sistemi tradizionali (fig. 2b). Solo con la metà del secolo nacque però la vera prefabbricazione industriale moderna.

Mostra articolo
Scarica articolo
 


Contact


CPi worldwide journals are trade journals for the concrete and precast concrete industry that are published in 10 different language editions in more than 170 countries. These trade journals, with their practical editorial reporting on research, production and applications, are specifically addressing the decision makers of the concrete and precast concrete industry.

Riguardo a noi
Contatto
ad-media GmbH

Industriestrasse 180
50999 Cologne
Germany

T: + 49 2236 96 23 90
F: + 49 2236 96 23 96
info@ad-media.de

Links
  • Rivista
  • CPi-tv
  • Events
  • Guida per il Compratore
  • Newsletter
  • Pubblicità
  • Brevetti
  • ad-media GmbH
Social
  • Linkedin
DIRITTI
  • Impronta
  • Protezione dei dati